lat. 45.04204
long. 7.23634

Miniera di talco di Garida


Page non traduite - lire ci-dessous la page dans sa langue d'origine...
A piedi in pochi minuti dalla borgata Priali - Flizzo
Punti di ristoro e alloggio a 3-5 km
Le gallerie sono abbandonate da tempo, quindi se ne sconsiglia l'ingresso senza una guida.

 

La mineralizzazione a talco è strettamente associata a marmi di composizione più o meno dolomitica, all’interno dei micascisti del Massiccio del Dora-Maira. I livelli di mineralizzione sono di modesta entità, non superando mai i 2 metri di spessore, inoltre spesso sono dislocati su più piani per la presenza di faglie. Lo sfruttamento della miniera di Garida in Val Sangone, pur non avendo una rilevante ricaduta economica ha per lungo tempo caratterizzato, a partire dalla seconda metà del XIX secolo, l' attività industriale della valle. La miniera di Garida estende le sue gallerie nel tratto terminale del vallone del Ricciavré, quest'ultimo in posizione centrale rispetto ai contigui valloni della Balma (a Sud) e del Sangonetto (a Nord).