lat. 45.16601
long. 7.12118

Marmo verde della Fugera


Page non traduite - lire ci-dessous la page dans sa langue d'origine...
La cava si raggiunge a piedi (2.30h) partendo da Falcimagna seguendo le indicazioni per Fugera e monte Ciarmetta.
Punti di ristoro e alloggio a 3-5 km
Il sentiero che indica ‘Fugera – difficile’ attraversa terreni molto esposti e instabile, si consiglia quindi di seguire l’itinerario descritto ne ‘I taccuini del Rocciavrè’, vol. 2.

 

In passato Bussoleno fu al centro di una fiorente attività estrattiva che, partendo dalla pietra locale (gneiss derivati da graniti paleozoici), si giovava anche della lavorazione di calcari e pietre verdi. In particolare il ‘marmo verde’ estratto dalla cava della ‘Fugera’ (risalente al 1700) abbellisce ancora oggi alcuni stupendi monumenti della Torino sabauda (come l’Armeria ed il Palazzo Reale).

L’oficalcite è una roccia ultrafemica in questo caso particolarmente eterogenea a causa del sistema di fratture e inclusioni calcaree chiare.

La cima del Monte Ciarmetta è un ottimo punto panoramico per la valle.